Il volto, l’identità e la comunicazione degli affetti

Dettaglio eventi


Il volto è la prima cosa che ci rappresenta, il primo ‘contatto con l’altro’, ma il volto dice della mia reale identità?
O è esso stesso la mia prima maschera?
Nella mutevolezza costante della sua espressione, cosa dirà di me? Cosa dirà dell’altro?
Dice Irène Némirovsky, nel suo “Il calore del sangue”: «Ma perché arrivi (intendo un amore autentico, onesto e sano) la cosa migliore è non pensarci troppo, non invocarlo. Altrimenti ci si inganna. Si mette la maschera dell’amore sul primo e più rozzo dei volti».

INGRESSO LIBERO e GRATUITO fino esaurimento posti.

Presenta la Conversazione Amato Luciano Fargnoli, Psicologo – Criminologo, Psicoterapeuta.
Già Direttore della Sezione di Criminologia Applicata del Servizio Polizia Scientifica della Polizia di Stato; dal 1994 al 2007 ha svolto attività di Formatore e Docente negli Istituti di Formazione della Polizia di Stato, Ministero dell’Interno. Docente e Formatore dal 2000 nei Master Universitari di I-II livello e Corsi di Perfezionamento Universitario presso gli Atenei: “Sapienza” di Roma, “Kore” di Enna, Cagliari, Castellanza, Napoli, Mestre, Parma, Padova, Urbino, L’Aquila, nel settore delle Scienze Sociali Forensi, della Psicologia Clinica e delle Tecniche del colloquio psicologico. Docente, Formatore e Supervisore clinico dal 2007 di Psicologia Analitica, Psicologia Generale e Psicodinamica, Psicopatologia e cura delle Psicosi, nelle Scuole di Specializzazione Post-Universitarie in Psicoterapia di Roma, Chieti e L’Aquila. Direttore della Collana di Criminologia e Scienze Sociali Forensi e della collana Minima-Psy presso l’editore Alpes Italia, Roma. E’ autore di numerose pubblicazioni sia in campo criminologico che clinico. Ha curato l’edizione italiana del volume 100% Jung.
Direttore Responsabile del Giornale Storico di Psicologia e Letteratura, organo ufficiale del Centro Studi di Psicologia e Letteratura.

Condividi:
L'autore
CSPL
CSPL