• img
CIBO – N° 22 del Giornale Storico del CSPL

Cari Amici del CSPL fondato da Aldo Carotenuto, è uscita la nostra ultima rivista dedicata al CIBO.

CIBO13012681_1148966568457464_1098406097181509095_n

Sostieni le attività del CSPL e ABBONATI!

Il costo dell’abbonamento è di € 25 (anziché € 30, spedizione inclusa) e in più chi si abbona avrà il 15% di sconto su tutti i libri del catalogo Alpes (ad eccezione dei periodici e degli abbonamenti alle riviste).

Per informazioni e per fare l’abbonamento puoi inviare una mail a: info@alpesitalia.it

In copertina: dipinto di GilVillelas “Latte sacro”.

INDICE

Antonio Dorella – Ortoressia

Amato Luciano Fargnoli – Cibo: appunti per una fenomenologia

Francesco Frigione – Cibarsi dell’erba Moly. L’incontro trasformativo tra Odisseo e Circe nel segno di Hermes

Marina Malizia e Francesco Gabriele – L’Anima nel vino

Benedetta Rinaldi – Autofagia

Virginia Salles – Ambrosia, il nettare d’amore

Luca Sarcinelli – Come in basso, così in alto. Cibo ed evoluzione interiore

Franca Cirone – Di una mela… e di un buon bicchiere di vino

Anna Maria Meoni – Il lupo vero di Cappuccetto rosso. Mangiare tartufo senza sapere che…

Estratto dall’EDITORIALE a cura del Direttore Amato Luciano Fargnoli

Cibo: parola che raccoglie in sé una pluralità di significati, nucleo centrale di un’esperienza condivisa da tutti. Quando diciamo cibo, ci riferiamo ad ogni tipo di sostanza che rende possibile il nutrimento. Ma cosa più precisamente nutre, e secondo quali processi? […]

L’assunzione di cibo consente al corpo di vivere e crescere, ma lo inserisce anche nel ciclo delle cose che finiscono per consunzione. Il nutrimento che consente la vita diventa così, inevitabilmente, una “caduta nel tempo”. Il cibo scandisce e condiziona non solo i ritmi del nostro esistere, ma anche il nostro sentire. Non solo il generico benessere dell’esser “pieni”, ma anche l’angoscia dell’esser “vuoti”. […]

Diventa metafora, quando il nutrimento che dà è simbolico e spirituale. Non si può sottacere il significato che prende la sacralizzazione del cibo, nelle culture antiche: veicolo di conoscenza del sacro e della divinità, anzi, assume e fa assumere la forza, l’energia e il potere implicito nel “Dio” contenuto in esso, trasformando l’uomo stesso che così può conoscere la scintilla divina che è in lui. […]

In questo numero l’impegno a toccare ognuno di questi aspetti è stato ampiamente onorato: il lettore attento, troverà, come dire, “pane” per i suoi denti.

Condividi:
L'autore
CSPL
CSPL