Dourley John

la Rivelazione continua nel dialogo tra l’Io e l’inconscio

Canadese (nato a Ottawa), si laurea con una tesi che pone a confronto San Bonaventura e Paul Tillich. Si forma come psicologo analista allo Jung Institute di Zurigo. Prete cattolico, dedica i suoi lavori a psicologia junghiana e cristianesimo. Tra essi figurano:

The Illness that we are: A Jungian Critique of Christianity (1984),

The Goddess, Mother of The Trinity A Jungian Implication (1990)

Jung and the Religious Alternative The Rerooting (1995)

The Intellectual Autobiography of a Jungian Theologian (2006)

Links

The Jungian-Christian Dialogue. Where Jungian Psychology encounters Christian philosophy, theology and spirituality

livejung dourleyb1

Alla base dell’attrazione di Jung per gli scritti gnostici si colloca il bisogno di ristabilire la psiche umana quale temenos o contenitore dell’incontro tra il divino e l’umano.

Invece di considerare la rivelazione come compiuta, in una prospettiva psicologica essa andrebbe intesa come un processo che continua nel dialogo individuale tra l’Io e l’inconscio.

“By a Spring-fed Lake, Clear and Very Deep. John Dourley at 71”, in Robert&Janis Henderson, Living with Jung. “Enterviews” with Jungian Analysts, 2008

Condividi:
L'autore
CSPL
CSPL