Cremerius Johannes (1918-2002)

Un illuminista della psicoanalisi

Albero analitico di Johannes CremeriusPsicoanalista tedesco, psichiatra.
Analizzato da Riemann e Gustav Bally. Studia medicina in Italia, paese che considera la sua “seconda patria”.
Invitato, nel 1950, negli Stati Uniti, vi incontra i più importanti, nonché esuli, psicoanalisti europei Alexander, Loewenstein, Karen Horney, Rado, Helene Deutsch.
Nel 1991 esce, per i tipi di Bollati Boringhieri, Limiti e possibilità della tecnica psicoanalitica. Vi si trova tra l’altro scritto che Ferenczi è stato il primo a modificare l’atmosfera esistente nello studio dell’analista.

cremerb1 cremerb3 cremerb2

Testi

Johannes Cremerius, Il futuro della psicoanalisi

Johannes Cremerius, La desessualizzazione della psicoanalisi

Johannes Cremerius, Lo stato dell’arte della tecnica psicoanalitica

AUTOBIOGRAFIA

Benedetti e Cremerius: il lungo viaggio. Le autobiografie di due maestri della psicoanalisi, Franco Angeli, 2000

cremerbTra i dieci capitoli di cui si compone il libro vanno segnalati in particolare il capitolo 1 “Non mi viene in mente nulla”: alcune riflessioni di tecnica terapeutica sui pazienti che non sono in grado di produrre associazioni libere, il capitolo 4 sulla Importanza dei dissidenti per la psicoanalisi, il capitolo 5 Un’analisi critica della tecnica terapeutica di Kohut e il capitolo 6 dedicato alla relazione tenuta da Ferenczi a Wiesbaden nel 1932.

Perché Freud non poteva capire Ferenczi

A partire dalla sua posizione paterna, da cui considerava il paziente coinvolto esclusivamente in conflitti edipici, (Freud) non era in grado di capire e approvare la costellazione, nuova per lui, di un terapeuta materno che entra in rapporto con un paziente regredito.

Condividi:
L'autore
CSPL
CSPL