Mistica Psiche. Jung, i cristiani e l’esperienza senza immagine

Mistica Psiche. Jung, i cristiani e l’esperienza senza immagine, Pescara, Samizdat, 2001 – Estratto

E’ possibile un’esperienza “senza immagine”? Può l’Io accedere, e in che modo, nel regno, se un regno c’è, del “senza immagine”?

Mistica PsicheIl punto di partenza di questo libro è l’impiego da parte di Jung, in un luogo del suo epistolario, di un aggettivo: bildlos, che significa = “senza immagine”. Ho provato a raccontare la storia di questo aggettivo nelle sue metamorfosi cristiano-orientali e dunque grecopatristiche e grecomonastiche, nei sui transiti medievali (la scuola renana di Meister Eckhart etc.) e in quelli rinascimentali, moderni e novecenteschi.

Condividi:
L'autore
Giorgio Antonelli
Giorgio Antonelli